ANTELOPE CANYON, modellato per noi dall’acqua e dal vento #atorredisolaideeperte

Un canyon stretto e lungo, ora asciutto, percorribile a piedi in due tratti (upper e lower).
Una meraviglia della natura, un paradiso per i fotografi.

Abbiamo pubblicato pochi giorni fa LAKE POWELL, tra Utah e Arizona
e avevamo consigliato un albergo a Page, cittadina provvista di tutti i servizi. Restiamo ancora un giorno a Page e ci facciamo un giro all’Antelope Canyon, pareti di arenaria rossa levigate dall’acqua e dal vento, unico nel suo genere.
Il Canyon si trova in riserva Navajo, per entrare in terra Navajo si paga un piccolo contributo, vi rilasciano un Ticket valido alcuni giorni, con questo potete entrare ed uscire tutte le volte che volete, anche per accedere al Lake Powell per la parte in terra Navajo. I Navajo offrono sia boat tour sul lago sia guide per l’Antelope Canyon.

Due tratti di questo canyon sono percorribili piedi: L’Upper Antelope più lontano dal lago e il Lower Antelope più vicino al lago. Sono separati dalla strada 98, a pochi chilometri da Page. Entrambi sono visitabili individualmente o con tour guidati sia da Page sia sul posto con guide Navajo. L’immagine sotto il titolo, quella qui sopra e le due appena sotto sono state riprese nella tratta Lower. Tutte le foto sono state fatte da chi scrive, quindi chiunque può vedere le stesse cose e riprendere immagini analoghe e anche molto più belle.

Il Lower è più stretto e meno frequentato in quanto, essendo appunto così stretto, si adatta meno ai giri organizzati. In alcuni punti si passa uno alla volta.

L’Upper è invece più largo, più frequentato da giri turistici che partono da Page. Si percorre più facilmente ed è più pianeggiante. Le 4 immagini che seguono si riferiscono alla parte Upper.

L’Antelope Canyon fa parte degli “Slot Canyon”, se ne trovano diversi attorno al lago Powell, ma anche in altre parti degli Stati Uniti e del mondo. Slot Canyon sono definiti i canyon alti e molto stretti. L’Antelope è uno di quelli più facilmente raggiungibili, si arriva a poche decine di metri da entrambi gli ingressi, con la propria auto

La foto sotto mostra chiaramente dove si cammina, su un sentiero di sabbia formatasi dalla disgregazione dell’arenaria.

Quando il sole è a picco, penetra all’interno di questi canyon formando giochi di luce veramente unici. Per questo trovate il maggior affollamento attorno a mezzogiorno.

Buon viaggio,
Luigi Dezza