Dal BIDONE non trabocca più OLIO, ma IMBARAZZO

Il Bidone traboccante olio per il tutto il periodo festivo ora è vuoto di olio ma pieno di imbarazzo, quello dell’Amministrazione.
L’imbarazzo per la manifesta incapacità nel gestire le cose, anche quelle più semplici,
per la mancanza di attenzione all’ambiente
e per le scuse puerili che Sirianni racconta ai Cittadini.

Il servizio di raccolta dell’OLIO VEGETALE USATO era stato introdotto dalla precedente Amministrazione, prima della raccolta “differenziata” del tipo “porta a porta”.
Non disperdere l’olio da cucina nell’ambiente non solo fa molto bene all’ambiente, ma da questo vengono prodotte cose utili tra le quali il “biodiesel”.
Quest’olio conserva un valore di mercato elevato, tanto che il servizio di raccolta è gratuito per i cittadini, in quanto gli operatori si ripagano con la vendita dello stesso.

IN QUESTO CONTESTO “VIRTUOSO” LA NOSTRA AMMINISTRAZIONE NON RIESCE NEMMENO A CONTINUARE UN SERVIZIO GIA’ INTRODOTTO DA QUELLA PRECEDENTE.

NESSUNA INFORMAZIONE, AL CITTADINO, SUL SERVIZIO DI SMALTIMENTO
Sui siti istituzionale del nostro Comune non troverete informazioni su come e dove conferire l’olio da cucina usato. Trovate tutto, giustamente, anche come smaltire uno stuzzicadenti in legno, ovviamente meno dannoso per l’ambiente, ma sull’olio NULLA!
NEMMENO E’ STATA COMUNICATA LA SOSPENSIONE DEL SERVIZIO PERCHE’ IL BIDONE ERA PIENO E NEMMENO E’ POI STATO COMUNICATO CHE IL SERVIZIO E’ RIPRESO, DA IERI.

NESSUNA ATTENZIONE ALLO SVUOTAMENTO DEL BIDONE
Il contenitore del Municipio era traboccante già da metà dicembre, Sirianni era stato informato da cittadini (in questo bidone lui ci inciampa tutti i giorni, ma devono essere i cittadini a segnalarlo! Su Municipium!).
NON HA FATTO NULLA!
Per poi giustificare la sua incapacità e noncuranza come tutti possono leggere (con un poco di filtro e di interpretazione è un italiano tutto sommato comprensibile):


Precisiamo che “Pocket Service srl”, il nostro fornitore, è sempre stato operativo, ad esclusione del giorno dell’incendio al vicino capannone di Corteolona.

Questi contenitori hanno un pannello, con galleggiante, che segnala il livello di riempimento. Non si aspetta quando l’olio trabocca a chiamare l’operatore. E’ dall’inizio di dicembre  che il povero bidone diceva: chiamate il mio padrone! Ma nessuno l’ha ascoltato.

L’EBREZZA DI PAGARE CIO’ CHE E’ GRATIS

Incomprensibilmente, a fine dicembre 2017, il nostro consigliere all’AMBIENTE, ha comperato un “contenitore per la raccolta differenziata dell’olio esausto” al costo di 600 €.
Speriamo di sbagliare e di pensare male, ma … qualche dubbio che Sirianni non abbia nemmeno capito che questi contenitori vengono forniti GRATIS, ci viene.

Scriviamo una formale interrogazione al Sindaco per capire come vengono spesi i soldi dei cittadini.

L’immagine sotto il titolo è tratta dal sito del Consorzio Nazionale CONOE: