“la Provincia Pavese” ha scritto ancora di Torre d’Isola

Torre d'Isola

Quando gli esempi da non seguire arrivano dall’Amministrazione Comunale. 
Quando le “regole” sono considerate un “di cui”.
Questo il senso della lettera di un nostro Concittadino pubblicata da “la Provincia Pavese”.

Si è discusso a lungo, su queste pagine, di come la nostra Amministrazione abbia gestito la defaillance dell’approvazione del Bilancio Previsionale 2018/2020, sottolineando la mancanza di informazione ai cittadini, ai quali è stato rifilata una giustificazione legata a non voler aumentare la Tari, esaltando la generosità del gesto, ma senza soffermarsi sul perché questo aumento fosse stato notato solo all’ultimo momento e non quando il Bilancio era stato approvato in Giunta.

Come noto, a Torre d’Isola non è visto di buon occhio chi si pone troppe domande e così un nostro concittadino, Stefano Mozzati, che aveva sollevato la questione, ha ricevuto in cambio una stoccata da parte di Roberto Ruju, che da bravo padre putativo è intervenuto, come in altre occasioni, a difendere acriticamente ed a spada tratta l’operato di Veronesi, che tanto tiene a sottolineare l’esistenza di regole non rispettate nei consigli comunali dalla Minoranza, ma si scorda le regole che lui stesso deve rispettare.

Insomma, due pesi e due misure.

Di seguito riportiamo il testo della lettera: