L’AMMINISTRAZIONE HA IL FIATO CORTO: Giunta dimezzata, Uffici fuori controllo e Bilancio che non quadra.

La Vicesindaco Valentina Formenton, Assessore al Bilancio, è assente da 4 mesi.
Gli “uffici” prendono decisioni Politiche all’insaputa del Sindaco.
La Giunta non riesce a presentare al Consiglio Comunale il bilancio di previsione 2018 entro i termini di legge.

L’Amministrazione si avvia all’ultimo anno di mandato con il fiato davvero corto.

GIUNTA DIMEZZATA

Valentina Formenton, Vicesindaco e Assessore al Bilancio, negli ultimi 4 mesi, da dicembre 2017 ad oggi, non ha partecipato a nessuna delle 6 riunioni Giunta.
La Giunta è così ridotta, da 4 mesi, al Sindaco e all’Assessore Annalisa Dettori.
Le ultime 34 Delibere della Giunta sono state emesse senza la presenza di Formenton, incluse quelle di materia finanziaria come l’approvazione dello schema di Bilancio, l’aggiornamento al Documento Unico di Programmazione e l’approvazione del Rendiconto di Gestione per l’esercizio finanziario 2017.
RICORDIAMOCI CHE FORMENTON E’ ASSESSORE PROPRIO AL BILANCIO, 
E CHE PER QUESTO RUOLO VIENE RETRIBUITA DAI CITTADINI.

UFFICI FUORI “GOVERNANCE”

L’ha scritto il Sindaco, a proposito dell’oscuramento dei manifesti dell’Opposizione “L’Amministrazione Comunale ……. ci tiene a evidenziare che quanto fatto è stata una libera scelta degli uffici a insaputa del Sindaco e dell’organo politico“.
In altre parole, gli uffici “tecnici e amministrativi” si sentono liberi di prendere decisioni “politiche” senza essere autorizzati dall’Amministrazione Comunale.
SINDACO, FORSE MANCA QUALCUNO CHE TIENE LA BARRA DRITTA!
AD ESSERE BUONI PARLIAMO DI CONFUSIONE DI RUOLI, AD ESSERE REALISTICI DICIAMO CHE REGNA IL CAOS.

LA PREVISIONE DI BILANCIO 2018 NON QUADRA.
NON POTRA’ ESSERE APPROVATA ENTRO I TERMINI DI LEGGE.

Oggi (27 marzo, alle ore 12) il Sindaco ha cancellato dall’agenda del Consiglio Comunale, che si riunirà domani (28 marzo), tutti i punti relativi all’approvazione del Bilancio di Previsione Finanziaria 2018 – 2020.

SIGNIFICA CHE LA NOSTRA AMMINISTRAZIONE NON SARA’ IN GRADO DI APPROVARE LA PREVISIONE DI BILANCIO ENTRO IL 31 MARZO, TERMINE NON PROROGABILE AI SENSI DI LEGGE.

Il Ministero dell’Interno, con decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ha fissato al 31 dicembre il termine per la deliberazione da parte degli enti locali del bilancio di previsione.
Con decreto del 29 novembre 2017  il termine per la deliberazione del bilancio di previsione da parte degli enti locali, per il 2018/2020, e’ stato differito al 28 febbraio 2018.
Con decreto del 9 febbraio 2018 il Ministero degli Interni ha ulteriormente differito al 31 marzo 2018 la deliberazione del Bilancio di previsione.

EBBENE, LA NOSTRA AMMINISTRAZIONE NON RIUSCIRA’ A RISPETTARE NEMMENO QUESTA DATA.

Dato che il 16 marzo scorso la Giunta Comunale aveva approvato il Documento Unico di Programmazione e il Progetto di Bilancio 18 – 20 da presentare al Consiglio Comunale, non è chiaro quale difficoltà sia intercorsa nel frattempo, dato i pareri positivi del revisore dei conti e del responsabile finanziario agli elaborati di bilancio, depositati e a disposizione dei consiglieri.
Aspettiamo il Consiglio Comunale del 28 marzo e daremo aggiornamento su quanto accaduto.
Marco Lapidari