Il Presidente del Circolo PD interviene sul Senso Unico: belle parole fuori dalla realtà.

Torre d'Isola progetto dei citadini per un centro bello sicuro e funzionale

Roberto Ruju prende posizione sul Senso Unico in un articolo su “Punto di Vista”, giornale che tutti noi abbiamo ricevuto a casa.
Riconosce a parole, condivisibili, il ruolo e il valore dell’opposizione ma si ferma lì, alle parole.
Ci sono contrasti con il Sindaco o, all’insegna del buonismo, è già iniziata la campagna elettorale per la nuova Amministrazione?

Il presidente del Circolo PD scrive “è molto importante e positivo che cittadini competenti, come in questo caso, si facciano promotori di proposte …. stavolta magari non è andata ma in futuro potrebbero trovare maggiore soddisfazione…”.
Ma quale “soddisfazione …. magari in futuro” quando l’attuale Amministrazione non ascolta nemmeno i cittadini, altro che ascoltare la minoranza.
Caro Presidente, quest’Amministrazione che tu sostieni, le proposte della minoranza le vede come “fumo negli occhi”.

Sul Senso Unico, la volontà dell’Amministrazione di avere la collaborazione dei Cittadini era talmente tanta che non è mai stato reso pubblico lo studio di fattibilità, non è mai stata lasciata possibilità di dibattito, le stime dei costi del progetto Comunale e di quello dei Cittadini sono state falsate per giustificare la scelta del Comune.
Tanto che quando scrivi “la sua realizzazione (quella dei Cittadini) sarebbe stata molto più costosa” ti è semplicemente restata in testa la propaganda del Sindaco.
In pubblica assemblea era stato presentato una previsione di costo di 30.000€ per il Comune e di 43.000€ (gonfiato di 21.000€ con il costo dello spostamento dell’armadio del gas) per i cittadini. Il problema vero è che il costo effettivo ha già superato i 90.000€.
Roberto, quale era il più costoso?

Il confronto tra il costo dei due progetti, come presentato dal Sindaco in Pubblica Assemblea (costi stimati). Le cose sono poi andate diversamente, i costi del progetto del Comune è triplicato (costi reali). Quello dei Cittadini era stato sovrastimato dal Sindaco causa i costi gonfiati per lo spostamento della cabina del gas.

Ci sono state poi altre occasioni per il Sindaco di ascoltare la “minoranza (50% dei Cittadini)”. Nel corso del Consiglio Comunale indetto per rettificare il progetto di ristrutturazione della Scuola, al rialzo di 13.000€ (i “competenti” ci avevano provato, sbagliando come sempre, ultimamente) il Capogruppo dei Consiglieri di Minoranza è stato prima zittito e poi espulso dal Consiglio.
E’ questo è il modo con il quale il Sindaco, da te sostenuto, trae benefici dalle proposte dell’opposizione?
Saprai che è stata rifatta l’illuminazione della scuola e degli Asili con tecnologia LED. Ad un Cittadino che ha rilevato, sul sito del Comune, che c’è un rischio per la salute dei bambini esposti alla luce blu dei led, è stato risposto “La invitiamo gentilmente a non creare allarmismi ingiustificati oltreché disinformanti” . Bene, il vostro Sindaco “pro tempore” sarà ricordato dai Cittadini “a tempo indeterminato” per avere messo a rischio la salute dei bambini, troppo supponente per ascoltare i cittadini e considerare di tornare indietro su un errore.

Click sulla foto per accedere all’articolo

La realizzazione del nuovo Centro Sportivo Polivalente è iniziata senza che sia stato illustrato il progetto ai cittadini. E’ comparsa sul sito del comune un’immagine di un Campo Sportivo con delle colline sullo sfondo, supponiamo che non si tratti del nostro impianto.
L’esperienza dei “Rappresentati di Frazione”, buona iniziativa di ascolto delle esigenze della popolazione, sai che si è conclusa con una sola riunione, poi non sono mai più stati convocati perché portavamo esigenze vere, non quelle che il Sindaco immaginava.
Presidente del Circolo PD, questo vostro Sindaco è riuscito a spaccare in due il paese, mai così diviso come ora. Frutto di iniziative non condivise con i cittadini, di comunicazioni direttive, di dilettantismo, di atteggiamento supponente.
Caro Roberto, belle parole le tue, cortesemente fai in modo che vengano seguite dai fatti.

Benito Cavalloni